RSS feed

PCMCIA Lightspeed EDGE-100M su Linux

Dopo 82 ore e 37 minuti dall’acquisto di questa PCMCIA gprs/edge sono riuscito a connettermi con linux.

Un grazie enorme a voidnull per il fondamentale aiuto che mi ha dato.

Se anche voi avete questa PCMCIA e state pensando di stabilire il nuovo record mondiale di Lancio della PCMCIA state buoni 2 minuti e provate prima questa procedura:

  • Iniziate con installare i pacchetti di cui avremo bisogno, date pacman -Sy pcmciautils wvdial setserial

  • Inserite la pcmcia, date un tail /var/log/messages.log e leggete se, e come, è stata riconosciuta; avrete qualcosa del tipo:

    Oct 1 03:14:58 bash-laptop pccard: PCMCIA card inserted into slot 0
    Oct 1 03:14:58 bash-laptop pcmcia: registering new device pcmcia0.0
    Oct 1 03:14:59 bash-laptop ttyS0: detected caps 00000700 should be 00000100
    Oct 1 03:14:59 bash-laptop 0.0: ttyS0 at I/O 0×400 (irq = 3) is a 16C950/954
    
  • Ora che sapete che la vostra pcmcia è stata riconosciuta come /dev/ttyS0 create/modificate il file /etc/wvdial.conf nel seguente modo:

    [Dialer Defaults]
    Modem = /dev/ttyS0
    Baud = 230400
    Init1 = ATZ
    Init2 = ATQ0 V1 E1 &C1 &D2 +FCLASS=0
    Init3 = AT+CGDCONT=1,”IP”,”ibox.tim.it”
    Dial Command = ATDT
    Phone = *99***1#
    Username = no_user
    Password = no_pwd
    ISDN = 0
    Modem Type = Analog Modem
    New PPPD = yes
    Carrier Check = no
    Stupid Mode = 1
    

    questo è ottimizzato per una connessione edge con la Tim. Modem indica il nostro dispositivo, Baud la velocità (230400 per edge), Init* sono le stringhe di inizializzazione del modem e quella da modificare in base al vostro APN è la Init 3, in base all’APN dovrete anche modificare la voce Phone, il resto potete tranquillamente lasciarlo così tranne se non avete un vostro username e password.

  • andate quindi in /etc/rc.conf e nella voce MODULES() aggiungete usbserial ppp_generic (aggiungete anche pcmcia pcmcia_core rsrc_nonstatic yenta_socket se avete disabilitato l’autoload).

  • ora ricavatevi il vendor e il product della nostra scheda dando pccardctl ident, avrete qualcosa come:

    [root@linux bash]# pccardctl ident
    Socket 0:
    product info: "CF CARD", "GENERIC", "", ""
    manfid: 0×0279, 0×950b
    function: 2 (serial)
    

    nel manfid sono specificati rispettivamente vendor e product che andrete ad inserire in /etc/modprobe.conf aggiungendo una riga simile a questa:

    options usbserial vendor=0x0279 product=0x950b
    
  • per permettere al normale utente di utilizzare il modem aggiuntelo al gruppo tty:

    # gpasswd -a <utente> tty
    
  • riavviate Arch Linux

  • una volta eseguito l’accesso da root date setserial /dev/ttyS0 baud_base 230400 e wvdial per avviare la connessione e via! Verso google e oltre!

NB. Potete monitorare il traffico ricevuto e inviato con iftop; installatelo (pacman -Sy iftop) ed eseguitelo in questo modo:

# iftop -i ppp0

Tags: linux, hardware, italian

By Andrea Scarpino on 2007-10-07